#zadeigame
1 Aprile 2014

La medicina del sonno

380x250

Patologie e diagnosi

Studi rivelano che il 2-5% della popolazione generale soffre di disturbi del sonno: tra i più frequenti la roncopatia e l’OSAS Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (Obstruction Sleep Apnea Syndrome).

I disturbi respiratori del sonno sono alterazioni della respirazione di origine molto complessa che determinano alterazione del sonno fisiologico. Il sonno di un paziente affetto da questi disturbi è infatti continuamente interrotto e frammentato; ad ogni evento ostruttivo consegue una brusca variazione della frequenza cardiaca e questo può portare alla lunga a patologie molto serie.

Principali fattori di rischio sono il sesso maschile e l'obesità.

Il russamento è un rumore respiratorio causato dalla fuoriuscita veloce dell’aria contro le parti molli delle vie aeree e le fa vibrare. In questi casi il flusso di aria può ridursi di oltre il 50% dando origine alle ipopnee, o arrestarsi per alcuni secondi dando origine alle apnee.

In alcuni pazienti il russamento è sufficiente ad alterare la qualità del sonno; in altri, oltre al russamento, si possono associare le apnee e quindi determinare la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS).

Durante le apnee i livelli di ossigeno nel sangue si abbassano rapidamente creando un aumento della pressione sanguigna e dell’attività cardiaca con possibili aritmie. Oltre a disturbi cardiovascolari, un paziente con apnee notturne può riscontrare:

  • sonnolenza diurna
  • deficit della memoria
  • irritabilità
  • colpi di sonno.

Trattamenti

La decisione di offrire un trattamento terapeutico ai pazienti che soffrono di malattie del sonno dipende oltre che dalle aspettative del paziente, dalla valutazione medica della gravità dei sintomi.

TRATTAMENTI CONSERVATIVI

  • Riduzione del peso corporeo
  • Abolizione del fumo e soppressione dell’utilizzo di alcoolici e di altre sostanze ad azione depressiva respiratoria
  • Somministrazione di un giusto programma dietetico
  • Ventilazione notturna non invasiva con CPAP (dispositivo medico di ventilazione meccanica a pressione positiva delle vie aeree)

TRATTAMENTI CHIRURGICI

L’approccio chirurgico nei confronti di un russatore semplice, rispetto ad un paziente che presenta apnee nel sonno, sarà ovviamente diverso.
 Nel primo caso, infatti, si tratta di curare una patologia che in genere non ha ripercussioni funzionali sull’organismo; nel secondo caso, invece, siamo di fronte ad un paziente il cui russare ha generato fattori di rischio cardiovascolare.

Una volta studiato il paziente, si potrà proporre la soluzione chirurgica migliore.